semifreddo-ricotta-visciole

Ricotta e visciole 2.0

Se ti è piaciuto, condividi!

Da quando ho rispolverato la mia passione per la pasticceria ho sempre desiderato prendere parte ad un contest anche solo per mettermi un po’ in gioco. Parlando una sera con i nostri amici di Tavole romane, veniamo a conoscenza di un contest da loro organizzato  dove protagonista è la cucina romanesca.

E’ vero che non sono romana, ma colgo l’occasione per mettermi alla prova e scelgo di rappresentare cosi il mese di Ottobre (che è anche il mio mese di nascita) e il pranzo della domenica con un delizioso dessert.

Come tutti ben sanno uno dei must della cucina romanesca in tema di dessert è l’intramontabile crostata con ricotta e visciole; qualche giorno per pensare ad una rivisitazione carina e complice l’estate che incombe nasce lei: l’ho chiamata “Ricotta e visciole 2.0’ perché l’ho ripensata come un semifreddo di ricotta con cuore di visciole, crumble di frolla e polvere di meringa.

L’abbiamo realizzata io e il mio amato cookino giorno dopo giorno, step by step e il risultato è stato il seguente:

semifreddo-ricotta-visciole

 

Questa ricetta è dedicata al “calendario della cucina romanesca”, un’iniziativa di tavole romane.

tavoleromane

 

Vi lascio la ricetta qualora vogliate riprodurlo anche voi:
Per la gelee di visciole:
200 ml di polpa di visciole
200 ml di acqua
12 g di fogli di colla di pesce

Per iniziare, abbiamo lasciato in ammollo la colla di pesce in acqua fredda per 10 minuti circa e poi una volta ammorbidita e ben strizzata l’abbiamo fatta sciogliere in 50 ml di acqua calda a 40° circa. Una volta tiepida l’abbiamo unita ai 200 ml di polpa di visicole diluita coi restanti 150 ml di acqua. Abbiamo mescolato bene e poi versato delicatamente negli stampini in silicone e lasciata in freezer per una notte.

Per il semifreddo alla ricotta:
250 gr di ricotta
200 ml di panna fresca da montare
50 gr di zucchero
Per la meringa:
120 gr di zucchero
40 ml di acqua
50 gr albumi

Come prima cosa abbiamo realizzato la meringa italiana mettendo in un pentolino e senza mescolare l’acqua con lo zucchero che deve essere portata alla temperatura di 121 gradi. Nel frattempo abbiamo cominciato a montare gli albumi con la planetaria nei quali abbiamo incorporato il composto di acqua e zucchero (portati a 121 gradi) e abbiamo continuato a far andare in planetaria fino a completo raffreddamento.
Et voilà la meringa è pronta: tappa obbligatoria assaggiarla subito! Noi la adoriamo!
Nel frattempo abbiamo setacciato la ricotta e mescolato con lo zucchero.
E in un’ulteriore ciotola abbiamo montato la panna (fermatevi prima che sia montata a neve).
Abbiamo lasciato in frigo i 3 composti per circa 30 minuti per assicurarci che fossero ben freddi e abbiamo incorporato la meringa nel composto di ricotta e in ultimo abbiamo aggiunto la panna sempre con movimenti circolari dal basso all’alto per non farla smontare!

Crumble di frolla:
40 gr burro
60 gr di zucchero
75 gr di farina
1 pizzico di sale
Mescolate tutti gli ingredienti fino ad ottenere delle briciole e mettere in forno riscaldato a 180 gradi per una decina di minuti!

Composizione del dessert:
Riempire gli stampini a cuore per metà con la mousse di ricotta, inserire il cuore di visciole e ricoprire con la mousse di ricotta. In freezer per una notte.
Successivamente abbiamo estratto una mousse e abbiamo utilizzato uno spray rosso effetto velluto per darle il colore voluto. Nel piatto abbiamo messo il crumble di frolla e decorato con polvere di meringhe!
Buon appetito!

Lascia un commento