Lago-di-Resia

4 giorni tra Merano e le Alpi Venoste

Se ti è piaciuto, condividi!

Ogni anno ci regaliamo qualche giorno in montagna sebbene io non sappia sciare e Ale si..quest’anno anche per festeggiare il suo compleanno abbiamo scelto come meta Avelengo, poco distante da Merano e la nostra scelta è ricaduta su un hotel con vista mozzafiato su tutta Merano.Lago-di-Resia
Appena arrivati, siamo rimasti sicuramente delusi dall’assenza di neve..l’anno scorso eravamo completamente sommersi e i paesaggi con la neve sono sempre magici. Ma come sempre non ci siamo persi d’animo anche perché appena arrivati ci ha subito colpito la chiesetta di Santa Caterina di Avelengo dove abbiamo scattato le prime bellissime foto del nostro viaggio. Merano-Santa-Caterina-Chiesa
Dato che siamo arrivati in albergo verso le 16 abbiamo deciso di trascorrere il tempo rimanente rilassandoci in Spa tra sauna, bagno turco e piscina. Che meraviglia!
Il giorno seguente ci siamo svegliati prestino e ci siamo diretti a Brunico per una passeggiata tranquilla nel paesino; tappa immancabile per noi la bellissima pasticceria Acherer dove appena entrerete rimarrete stupiti per il connubio dolci/piante e soprattutto per le accattivanti monoporzioni e la vasta offerta di cioccolatini che si presenterà ai vostri occhi!

Indecisi su cosa prendere abbiamo poi scelto una monoporzione al caramello e un godurioso krapfen con crema alla vaniglia. Una piccola tappa in un bellissimo negozio di accessori per la cucina e la pasticceria e poi ci siamo diretti verso un ristorante dove si mangia divinamente: Hardimitzn a Riscone.

Qui abbiamo ordinato una tartare di cervo, un tris di canederli (quello pressato è da leccarsi i baffi) e una mega insalata con bufala grigliata, mirtilli, fragole, noci e semi. Se vi trovate in zona non potete assolutamente perdere questo indirizzo.
Nel primissimo pomeriggio ci siamo diretti verso il lago di Dobbiaco approfittando della luce meravigliosa che c’era e qui siamo rimasti estasiati dalla bellezza della natura; il lago ghiacciato con i cigni e le montagne innevate a contorno. Abbiamo anche giocato a palle di neve fin quando il freddo non è iniziato a farsi sentire di brutto; eravamo a meno sei!!!

Prima del tramonto ultima tappa della giornata al lago di Braies; noi lo preferiamo d’estate con i suoi colori mozzafiato. Quest’anno non era del tutto innevato e qui c’erano meno 11 gradi per cui la nostra resistenza è stata pochissima. Essendo anche il bar rifugio chiuso siamo ritornati in macchina direzione hotel o meglio sauna!
Il giorno seguente ci siamo messi in macchina per raggiungere il lago di Resia che da tanto volevamo vedere e che da sempre ci aveva affascinati attraverso le foto degli altri.
Appena arrivati abbiamo subito visto il campanile in mezzo ad una fitta coltre di neve; l’impatto visivo è davvero suggestivo e noi siamo rimasti ad ammirarlo per un bel po’ anche se il vento gelido non ci ha consentito più di tanto di rimanere qui.Lago-di-Resia

Affamati e dato che era ora di pranzo ci siamo messi alla ricerca di un posticino dove mangiare e abbiamo scoperto un rifugio spettacolare Giernholf; per raggiungerlo dovete avere le catene perché si raggiunge attraverso una stradina tortuosa e completamente innevata per poi arrivare in questa baita con terrazza riscaldata con mega vista su tutto il lago. Lago-di-Resia
Sembrava di pranzare sul lago, una sensazione bellissima e infatti ci piacerebbe tornare d’estate. Abbiamo ordinato canederli in brodo con formaggio e speck e come dolce la tipica frittata dolce con marmellata di mirtilli rossi! Che bontà! L’ultimo giorno prima di rientrare a Roma, come da tradizione, ci siamo recati a Bolzano che a noi piace tanto e ci siamo fermati nel nostro amato store della Loacker per rifornirci dei loacker di gusti che qui a Roma non si trovano! Un rapido giro nei negozi e arrivederci Trentino! Alla prossima!

Lascia un commento